Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Esercitazione militare sulla nave Garibaldi


Esercitazione militare sulla nave Garibaldi
24/03/2010, 15:03


CAGLIARI - L’Esercitazione aeronavale e anfibia “Amphex 2010” condotta dalla Marina Militare e specificatamente dal Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, ha visto per un giorno la presenza sull’Incrociatore Portaeromobili "Giuseppe Garibaldi", del Generale di Squadra Aerea Leandro De Vincenti, Comandante delle Forze Aeree (CoFA), del Comandante della Divisione “Acqui”, Generale di Divisione Vincenzo Santo e del Generale di Brigata Santi Bonfanti. A bordo della Nave Ammiraglia, posizionata al largo delle coste sarde, gli alti Ufficiali, hanno assistito alle fasi salienti dell’importante evento addestrativo. L'Esercitazione è stata pianificata per verificare le procedure operative e tattiche nei principali scenari possibili quali: la sorveglianza marittima, il controllo delle vie di comunicazione, la difesa aerea di forze navali e le operazioni di proiezione di capacità dal mare. Alla relativa pianificazione e in particolare per la stesura del “Conops” (Concept of Operation) hanno infatti partecipato anche alcuni Ufficiali della Divisione “Acqui”. Partecipazione che si ripete dopo quella dell’Esercitazione “Amphex Plus 09”, svoltasi lo scorso anno, nel mar Tirreno centro meridionale. Tali attività fanno parte dei moduli addestrativi interforze che il personale della Divisione “Acqui” regolarmente svolge, in quanto potrebbe costituire l’ossatura del primo Comando italiano disponibile per l’Unione Europea. In tal caso la Divisione Acqui condurrebbe operazioni militari per la gestione delle crisi sotto egida EU. Operazioni per le quali alle sue dipendenze potrebbero operare anche Contingenti Internazionali ed Interforze, nell’ambito di queste particolari missioni, dette di “Petesberg”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©