Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tra asfalto rovente e file interminabili

Esodo: grande traffico ed afa accompagnano chi parte


Esodo: grande traffico ed afa accompagnano chi parte
26/07/2009, 11:07

ROMA - Traffico intenso, come da previsioni, in questo ultimo fine settimana di luglio che per molti segna l'inizio delle vacanze. La circolazione non ha fatto registrare disagi particolari ma la giornata e' stata funestata dagli incidenti stradali, il piu' grave nel Sannio con tre vittime. La morsa dell'afa sembra aver momentaneamente abbandonato il Nord, dove la pioggia ha rinfrescato le temperature, tuttavia Centro e Sud boccheggiano poco meno di ieri e per domani la Protezione civile prevede allarme caldo in sei citta'.

Le citta' dunque si svuotano: milioni di persone si sono messe in viaggio per sfuggire alla canicola metropolitana o per dare inizio alle sospirate vacanze. Di conseguenza il traffico si e' intensificato, soprattutto in mattinata. Particolarmente colpita la A4: un tamponamento avvenuto tra Milano e Brescia ha provocato cinque feriti e una coda di almeno 10 chilometri, mentre in direzione dell'Istria si sono avute code causate anche dal maltempo che ha colpito il Friuli Venezia Giulia, con pioggia e raffiche di bora; sulla stessa autostrada un incidente ha provocato una coda di 12 chilometri in direzione ovest, tra l'allacciamento con la A23 Palmanova-Tarvisio e Latisana. Sulla A1 Milano-Napoli, disagi sul tratto tra Fiorenzuola e il bivio per la A15 verso Bologna. Altri punti nevralgici: la A9 Lainate-Chiasso, nel tratto tra Fino Mornasco e il bivio della A8 verso Lainate e tra Como e Chiasso verso la Svizzera per operazioni in dogana; la A14 Bologna-Taranto, dal capoluogo emiliano a Imola verso la riviera romagnola e tra Cesena e Rimini sud verso sud. Inoltre, la A12 Roma-Civitavecchia, nel tratto tra Civitavecchia nord e il bivio per la statale Aurelia verso nord, e la A27 Venezia-Belluno, tra lo svincolo di Belluno e il bivio con la statale 51 Alemagna, verso le dolomiti.

La Polizia stradale e' al lavoro per garantire con le proprie pattuglie una attenta opera di monitoraggio e verifica del traffico sull'intera rete viaria nazionale. Pochi gli incidenti di rilievo, con un bilancio complessivo di una decina di morti. Il piu' grave e' avvenuto sulla superstrada Benevento-Telese-Caianello, dove in seguito allo scontro tra un'auto e un tir sono morte le tre persone che occupavano l'auto. Un uomo di 39 anni e' stato ucciso dal conducente di un'auto pirata mentre stava camminando sul ciglio di una strada a Torvaianica, localita' balneare vicino a Roma; il pirata della strada, un giovane operaio, e' stato arrestato. Una coppia e' morta in un incidente stradale sulla strada provinciale Santa Croce Marina di Ragusa, nel Ragusano. Un commerciante di 29 anni e' morto ad Amendolara (Cosenza) nello scontro frontale tra il suo furgone e un Tir, avvenuto sulla strada statale 106. Nel pomeriggio, sul lungomare di Badolato (Catanzaro), un ragazzo di 15 anni, che era su uno scooter, e' morto nello scontro con un furgone condotto da un cittadino romeno.

Ed e' morta oggi la bimba di 5 anni investita ieri sera a Gaeta, nel sud pontino, da un albanese che ha travolto con l'auto anche la madre, il fratellino di due anni e la nonna. Frosinone, Latina, Messina, Pescara, Reggio Calabria e Roma sono le sei citta' per le quali il sistema di previsione delle ondate di calore curato dalla Protezione civile prevede, per domani, un allerta di livello 3, il piu' alto, contrassegnato dal colore rosso. Complessivamente, le citta' a rischio diventano sette se si comprende anche Firenze, dove l'allerta e' di livello 2 (arancione). A Latina, Messina e Reggio Calabria, nelle ore centrali la temperatura percepita sara' di 38 gradi, a Roma e a Frosinone di 36. Per oggi, l'allerta di livello 3 riguardava Campobasso, Frosinone, Latina, Messina, Perugia e Roma.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©