Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Continuano i controllo serrati sul territorio

Espulsi clandestini dal centro storico


Espulsi clandestini dal centro storico
26/11/2010, 12:11

Castellammare di Stabia - Continua nella città di Castellammare di Stabia il controllo serrato per la tutela del territorio volta alla legalità ed a pochi giorni dallo sgombero dell’ex casa del fascio la polizia municipale cittadina, coordinata dal comandante Antonio Vecchione, in collaborazione con il commissariato di Polizia di Stato e la compagnia dei carabinieri locali, nel Centro antico della città ha effettuato diverse espulsioni e accertamenti nei confronti di extracomunitari non in regola ed i locali che occupavano. Si tratta di  ventiquattro cittadini di nazionalità bulgara identificati, dieci terranei controllati e due immigrati clandestini. Sono in corso,inoltre, una serie di indagini volte a stabilire in che modo i cittadini espulsi occupavano gli  immobili di via del Gesù, al fine anche di scoprire se i  proprietari hanno  violato la  normativa Maroni affittando locali ai clandestini e se questo fosse accertato è volontà dell’ dell'Amministrazione guidata da Luigi Bobbio di sequestrarli  e confiscarli in modo da scoraggiare simili gesti da parte di altri proprietari invitati, caso mia si trovassero nella stessa situazione, a liberare immediatamente gli immobili per evitare reati ancora più gravi.
L'operazione di questa notte non è che il primo atto di una lunga serie di attività di prevenzione e repressione di piccole e grandi illegalità nel Centro antico - ha commentato il sindaco, Luigi Bobbio che saranno duramente contrastate. Gli abitanti del Centro antico stiano tranquilli e continuino a confidare nell'azione della mia Amministrazione. Come avevo promesso, - continua Bobbio-   è partita l'operazione di recupero dell'area alla vivibilità e alla dignità dei suoi abitanti. Questo è il primo intervento, ma altri ne seguiranno per ridare ai cittadini del Centro antico la serenità e la tranquillità della vita quotidiana.
 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©