Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Estorsioni, arrestati 5 componenti clan Longobardi -video


.

Estorsioni, arrestati 5 componenti clan Longobardi -video
27/11/2013, 12:17

NAPOLI - Cinque persone, ritenute elementi di spicco del clan di camorra 'Longobardi-Beneduce', sono state arrestate dai carabinieri in un blitz scattato all'alba nella zona di Pozzuoli. I militari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli, per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Secondo l'accusa, il gruppo operava per il controllo degli affari illeciti nella zona di Pozzuoli e da anni costringeva alcuni imprenditori a pagare il 'pizzo' con versamenti di denaro in occasione di Natale, Pasqua e Ferragosto.

Gli arrestati sono Gaetano Beneduce e Gaetano Longobardi, capi dell’organizzazione camorristica da anni dominante nella zona di Pozzuoli, Francesco Saverio Di Costanzo, Giacomo Russolillo e Vincenzo Caiazzo arrestati per una serie di estorsioni ai danni di imprenditori della zona flegrea specializzati nel settore della meccanica ed in quello dell’installazione di piscine. La natura delle estorsioni si contraddistingue per la particolare efferatezza e durata nel tempo. Le minacce, infatti, in alcuni casi, si sono protratte per un arco di tempo lungo dieci anni durante il quale i soggetti si alternavano nel ruolo di esattori garantendo in cambio una fittizia guardiania.

I nomi degli imprenditori vittime erano indicati nelle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia e sono stati riscontrati in una lettera sequestrata nell’ambito di un’operazione risalente al 2010, nella quale venivano riportati i nomi degli esercenti che pagavano il pizzo regolarmente. Il fenomeno delle estorsioni, spiega la Dda in una nota diffusa, ha assunto nella zona flegrea carattere di allarmante criticità e la collaborazione degli imprenditori vittime di minacce, all’inizio poco inclini alla denuncia, è stata fondamentale. 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©