Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’accusa: terrorismo e ingresso illegale nel Paese

Etiopia: 11 anni di carcere a due giornalisti svedesi


Etiopia: 11 anni di carcere a due giornalisti svedesi
27/12/2011, 11:12

STOCCOLMA - Due giornalisti svedesi sono stati condannati da una corte etiope a 11 anni di carcere, con l’accusa di sostegno al terrorismo e di ingresso illegale nel Paese. Martin Schibbye e Johan Persson sono entrati in Etiopia dalla provincia orientale di Ogaden, attraverso la Somalia, per investigare sulle violazione dei diritti umani nel Paese. I due giornalisti sono stati arrestati mentre si trovavano in viaggio con il gruppo separatista “Fronte nazionale di liberazione dell’Ogaden” (Onlf). La coppia ammette di essere entrata illegalmente in Etiopia, ma nega invece di aver appoggiato il terrorismo. La settimana scorsa il primo ministro svedese Fredrik Reinfeldt aveva chiesto la loro immediata liberazione: entro il 10 gennaio i due giornalisti potranno chiedere la grazia o ricorrere in appello, come ha dichiarato l’avvocato svedese che sta seguendo il processo, Thomas Olsson. La madre di Schibbye ha detto che il figlio e il collega sono apparsi molto calmi, e che decideranno insieme come reagire alla sentenza.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©