Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vietato il brevetto per una medicina contro il Parkinson

Europa: no a brevetti staminali se c'è distruzione dell'embrione


Europa: no a brevetti staminali se c'è distruzione dell'embrione
18/10/2011, 12:10

BRUXELLES (BELGIO) - Un pesante muro è stato alzato sulla via della ricerca medica nel campo delle staminali. E l'ha alzato la Corte di Giustizia Europea, esaminando un ricorso sollevato da un ricercatore tedesco contro lo stop imposto da un Tribunale nazionale alla brevettizzazione di una medicina per il morbo di Parkinson. La medicina è fatta usando le cellule staminali embrionali; cellule che possono essere estratte solo sacrificando l'embrione stesso. Per questo Greenpeace aveva chiesto di bloccare il brevetto e il Tribunale gli aveva dato ragione.
Ma la Corte Europea è andata oltre, specificando che per "embrione" non va inteso solo nel senso dell'ovulo fecondato, ma anche dell'ovulo non fecondato a cui è stato sostituito il nucleo con quello di una cellula matura (metodo classico con cui si producono i cloni) e nel caso dell'ovulo non fecondato indotto artificialmente a dividersi (cosa che viene utilizzata in laboratorio per numerosi esperimenti). In pratica, in questa maniera viene impedito il brevetto di quasi qualsiasi prodotto medico ricavato dalle cellule staminali. Un blocco che rischia di portare indietro la ricerca medica di 15 anni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©