Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il giudice: “Il fatto non sussiste”

Evasione, assoluzione per Sallusti


Evasione, assoluzione per Sallusti
14/12/2012, 12:00

MILANO – E’ stato assolto dall’accusa di essere evaso dai domiciliari disposti per la condanna definitiva a 14 mesi di carcere per diffamazione Alessandro Sallusti, il direttore del Giornale. Il processo per direttissima a suo carico, che si è svolto a porte chiuse al tribunale di Milano, è terminato questa mattina.

La decisione del giudice, a sentire quanti erano vicini a Sallusti, ha fortemente commosso il direttore del Giornale

Sallusti è stato assolto con la formula piena: “Il fatto non sussiste”, ha chiarito il giudice secondo il quale non è mai stata violata la norma dato che il direttore non è mai uscito dalla sfera di vigilanza della polizia giudiziaria Il Pm, invece, aveva chiesto per lui sei mesi e venti giorni di pena per l'accusa di tentata evasione.

Tutto è partito da quando Sallusti, dopo essere stato accompagnato nella sua abitazione per scontare i domiciliari per la condanna per diffamazione, aveva compiuto un gesto simbolico uscendo di casa. Da qui il processo per evasione che si è concluso con l' assoluzione. Un'assoluzione che fa cadere anche la sospensione per il giornalista, disposta nei giorni scorsi dall'Ordine come atto dovuto perché pendeva una misura cautelare a suo carico. Per Sallusti resta la detenzione ai domiciliari disposta dal Tribunale di sorveglianza di Milano per scontare la pena per diffamazione.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©