Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ex sequestratore all'Isola dei Famosi, lo sconcerto del Coisp


Ex sequestratore all'Isola dei Famosi, lo sconcerto del Coisp
21/10/2009, 10:10


“E’ scandaloso e immorale che i soldi versati dai cittadini alla tv pubblica finiscano nelle tasche di un sequestratore”. A sostenerlo è Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, commentando la notizia, anticipata dal quotidiano ‘La Nuova Sardegna’, della partecipazione dell’ex primula rossa del banditismo sardo Graziano Mesina al reality show della Rai ‘L’Isola dei Famosi’. Prosegue Franco Maccari: “Mentre gli uomini delle Forze dell’Ordine sono impegnati ogni giorno nella repressione del crimine, ma anche in tantissime iniziative di prevenzione che puntano soprattutto ad affermare la cultura della legalità, in particolare nelle nuove generazioni, in Italia accade che la tv di Stato invita al suo show in Nicaragua un noto bandito, che avrà così l’occasione di diventare un nuovo ‘eroe’ e ritrovare la fama conquistata durante la drammatica stagione dei sequestri di persona in Sardegna”. “La Rai – conclude Maccari – deve assolutamente revocare l’eventuale ingaggio a Mesina, perché ciò costituisce un insulto a tutte le Forze dell’Ordine, alle tante persone che hanno sofferto per i sequestri nel nostro Paese, e a tutti i cittadini onesti. In tal caso, qualora, la televisione pubblica italiana non intendesse revocare l’ingaggio a Mesina potremmo magari proporre di ingaggiare Totò Riina a “X Factor”, Renato Vallanzasca a “Uno Mattina”, Giovanni Brusca conduttore di “Ballarò” e anche Bernardo Provenzano a condurre “Porta a porta” non appena escono da galera.”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©