Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nell'indagine in corso sono indagate altre 18 persone

Fallimenti pilotati: fermati 2 imprenditori di Terzigno


Fallimenti pilotati: fermati 2 imprenditori di Terzigno
08/06/2011, 15:06

TORRE ANNUNZIATA - I finanzieri della comando di Nola agli ordini del capitano Giacomo Scilì Bellomo hanno arrestato, in regime domiciliare, Aniello e Gaetano Rosa  di 47 e 50  imprenditori di Terzigno amministratori pro tempore della "Fratelli Rosa S.r.l", ora fallita, e “Gruppo Maha S.p.a" in amministrazione controllata. L’ordine di custodia è stato emesso dal Gip di Nola su richiesta della Procura della Repubblica e si inserisce  in una vasta operazione che vede i due imprenditori indagati assieme ad altre 18 persone su tutto il territorio nazionale per reati che vanno dalla bancarotta fraudolenta, alle false comunicazioni sociali, ai reati tributari, ricettazione,calunnia, indebito utilizzo di carte di credito e reati di falso commessi nell’ambito della gestione delle due società dove i due fratelli si sono alternati nella carica di amministratore unico. La dichiarazione di fallimento della “Fratelli Rosa S.r.l” è avvenuto dopo un ricorso inviato dalla Prcura di Nola in quanto, dopo accurate indagini a retroso, i finanzieri avevano collegato numerose denunce di smarrimento di assegni già consegnati a terzi usati per pagare le forniture. Il Gip ha inoltre disposto il sequestro preventivo di 100 mila euro a carico di Gaetano Rosa in relazione al reato di omesso versamento di ritenute sui redditi dei lavoratori dipendenti, rigettando la richiesta della procura di sequestrare 7 milioni di euro.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©