Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Famiglia morta a Pavia, indagato il proprietario della casa


Famiglia morta a Pavia, indagato il proprietario della casa
06/01/2011, 12:01

LANDRIANO (PAVIA) - Solo ieri sono stati ritrovati i corpi senza vita di un'intera famiglia egiziana composta da padre 35enne, madre 24enne all'ottavo mese di gravidanza e due bimbi di soli 3 e 4 anni.
Dopo lo sgomento e la commozione iniziale, si tenta di far luce sulle responsabilità riguardo la strage compiuta dalla fuorisciuta di monossido di carbonio dalla caldaia dell'appartamento di via Cirano 9, a Landriano (Pavia). Al momento, sul proprietario 67enne della casa, pende la grave accusa di omicidio colposo plurimo. La procura di Pavia, infatti, è venuta a sapere che gli El Sherif avevano già lamentato in diverse occasioni precedenti il malfunzionamento della caldaia ed avevano richiesto una riparazione.
Quando mercoledì scorso i carabinieri hanno fatto irruzione nell'appartamento, hanno trovato il tubo della caldaia fuori posto e i quattro cadaveri. Per tale ragione, il pm ha disposto il sequestro dell'intera abitazione ed in particolare dell'impianto di riscaldamento. Per le quattro salme, trasporate all'istituto di medicina legale di Pavia, l'autopsia sarà effettuate nella giornata di domani.
Intanto, il sindaco di Landriano Roberto Aguzzi, ha proclamato il lutto cittadino. Rabbia da perte di un amico di famiglia che ha sottolineato con decisione il fatto che, sul malfunzionamento della caldaio, il signor El Sherif si era già lamentato in diverse occasioni la settimana che ha preceduto la disgrazia.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©

Correlati