Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Secondo il rapporto “Sofi 2012”

Fao: nel mondo, una persona su otto soffre la fame


Fao: nel mondo, una persona su otto soffre la fame
09/10/2012, 16:20

ROMA – Secondo quanto riportato nel rapporto “Sofi 2012” della Fao, nel mondo,  una persona su otto soffre la fame. I dati sono migliori di quanto previsto - osserva il rapporto - e fanno ben sperare di riuscire a raggiungere, o quantomeno avvicinare, l'Obiettivo del Millennio di dimezzare entro il 2015 il numero di quanti soffrono la fame nel mondo. Nel mondo circa 200 milioni di bambini sotto i 5 anni soffrono di malnutrizione, emergenza umanitaria responsabile di oltre un caso di mortalita' infantile su tre. Allo stesso tempo, un terzo del cibo, 1,3 miliardi di tonnellate (di cui 17 milioni in Italia), viene sprecato o perduto ogni anno.  L'80% dei bambini gravemente malnutriti nel mondo ''si concentra in 20 paesi. La maggior parte di essi sono anche i paesi con un alto tasso di mortalita' infantile come Sierra Leone (185 bambini morti ogni 1.000 nati vivi), Somalia (180) e Mali (176)''.

Il valore economico degli sprechi mondiali e' stimato in mille miliardi di dollari l'anno. In Europa - si legge nel rapporto - finiscono tra i rifiuti ''89 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, cioe' un quantitativo di cibo pari a 89 volte quello destinato agli aiuti internazionali. Nella sola Italia le perdite e gli sprechi di cibo lungo tutta la filiera ammontano a 17 milioni di tonnellate, pari a un valore di 11 miliardi di euro: lo 0,7% del Pil. Il valore economico medio per famiglia del cibo che si perde in fase di consumo nel nostro Paese e' tra i 350 e i 454 euro l'anno''.

Una somma, quest'ultima, osserva Save the Children, ''che corrisponde a quanto sarebbe necessario per garantire il trattamento d'emergenza per la cura di 5 bambini gravemente malnutriti''.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©