Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

E' stata aperta l'ennesima breccia nelle legge 40

Fecondazione assistita: Tribunale autorizza la diagnosi preimpianto


Fecondazione assistita: Tribunale autorizza la diagnosi preimpianto
15/11/2012, 17:07

CAGLIARI - Il Tribunale di Cagliari ha autorizzato una coppia - lei malata di talassemia, lui portatore sano - ad effettuare la diagnosi preimpianto dopo la fecondazione assistita, il metodo classico usato a livello internazionale per evitare la trasmissione di malattie ereditarie. 
Una possibilità che però in Italia era vietata dalla legge 40 del 2004, la legge sulla procreazione assistita che impone rigidissimi paletti a questa pratica. Sulla vicenda era stata già interpellata la Corte Costituzionale, che però non si era espressa. Il Tribunale di Cagliari ha agito dando una interpretazione, nei limiti costituzionali, degli articoli che salvaguardano la salute dell'individuo. 
Si tratta dell'ennesima sentenza che smantella un altro pezzo fondamentale della legge 40, che ormai è ridotta ad una brutta copia delle disposizioni che, pur non essendo mai state ratificate in una legge, venivano applicate in Italia prima della legge sulla fecodnazione assistita. E che corrispondevano alle norme disposte a livello internazionale. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©