Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Questa volta la decisione dovrà essere presa nel merito

Fecondazione eterologa, nuovo ricorso alla Consulta


Fecondazione eterologa, nuovo ricorso alla Consulta
04/04/2013, 17:06

MILANO - Ancora una volta la legge 40, che disciplina la fecondazione artificiale, finisce davanti alla Corte Costituzionale, per risolvere una questione importante: è costituzionale o meno la discriminazione che viene fatta sulla fecondazione eterologa, cioè quella usando ovuli o spermatozoi di donatori? Una questione non da poco, dato che non permette ai genitori sterili di avere figli, discriminandoli rispetto a quei genitori che hanno solo problemi di altro genere che impediscono di avere figli. 
Questa volta è il Tribunale di Milano a sollevare la questione di costituzionalità, a proposito della vicenda di due coniugi che chiedono di poter accedere alla fecondazione eterologa a causa della azoospermia (mancanza di spermatozoi nel liquido seminale) dell'uomo.
Già in precedenza la questione era stata portata all'attenzione della Consulta, ma in tutti i casi la decisione, alquanto pilatesca, era stata di rinviare la questione davanti al Tribunale di merito, senza prendere alcuna decisione. Ma questa volta il quesito è formulato in maniera tale da richieere per forza una risposta nel merito.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©