Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Sanità, sospeso lo sciopero delle farmacie

Federfarma sotterra l’ascia di guerra. Ma con riservo


.

Federfarma sotterra l’ascia di guerra. Ma con riservo
05/10/2010, 16:10

NAPOLI – Federfarma, dopo l’assemblea di questa notte, ha deciso di sospendere l’assistenza indiretta, ripristinando il normale rapporto convenzionale. A partire da oggi, quindi, i cittadini di Napoli e provincia potranno nuovamente ricorrere alle ricette, senza dover pagare i farmaci di tasca propria e attendere (previa richiesta) il rimborso da parte dell’Asl competente. Ma è una sospensione “con riserva”. Per vedere “cosa farà la Regione”, spiega Michele di Iorio, presidente di Federfarma Napoli. Le farmacie, infatti, restano tuttora in stato di agitazione e si dicono pronte alla serrata nel caso non arrivassero i fondi promessi.
“Federfarma, - spiega Di Iorio, - pur scegliendo a maggioranza degli iscritti di sospendere lo sciopero, conferma comunque lo stato di agitazione al fine di verificare il rispetto degli impegni che la Giunta ha assicurato di garantire entro il 30 ottobre".

L'assemblea, inoltre, ha anche deliberato di programmare, nel prossimo mese di novembre, un'ulteriore assemblea straordinaria che verifichi quanto realizzato dalla Giunta regionale, individuando, "fin da oggi, due o piu' giorni di serrata da effettuare nel mese di novembre qualora le risposte del governo regionale non risultassero coerenti con le aspettative dei titolari di farmacia". "In questo mese di sciopero abbiamo pesato l'attivita' della Giunta regionale - commenta Michele Di Iorio, presidente di Federfarma Napoli - Anche le dichiarazioni del ministro Fazio lasciano intravedere un riscatto finanziario per la nostra Regione. Per questo abbiamo deciso di sospendere lo sciopero, ma l'assemblea mi ha dato preciso mandato di vigilare sulla concreta attuazione degli impegni assunti dalla Giunta regionale. In caso contrario, nel mese di novembre siamo pronti a una serrata delle farmacie per due o piu' giorni", assicura Di Iorio.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©