Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sospesa a partire da oggi la distribuzione nelle farmacie

Federfarma: "Stop ai presidi per diabetici"

Idv: "Non bisogna interrompere la distribuzione dei kit"

.

Federfarma: 'Stop ai presidi per diabetici'
01/07/2011, 12:07

NAPOLI - I quasi 60mila diabetici napoletani non potranno più ritirare in farmacia i prodotti loro necessari per il controllo e la cura della propria salute. Il consiglio di Federfarma Napoli ha deciso di sospendere la distribuzione dei presidi per diabetici a decorrere dal 1 luglio; siringhe ed aghi per insulina, strisce reattive per glicemia, lance pungi dito non potranno più essere ritirate nelle farmacie napoletane. Federfarma, che di fatto, continua ad offrire un servizio di cui non è più titolare, si è vista costretta ad assumere questa decisione, dopo l’assegnazione della gara d’appalto per la distribuzione dei kit necessari ai diabetici ad altra ditta da parte di Soresa. Dopo le ultime vicende giudiziarie, infine, la stessa associazione non reputa più un credibile interlocutore la Soresa e chiede l’intervento diretto di Stefano Caldoro quale commissario alla Sanità della Regione Campania.
Intanto, cresce l'attesa per la conferenza stampa allargata del presidente di Federfarma Napoli, Michele Di Iorio, che spiegherà i motivi e le criticità che hanno portato i farmacisti napoletani a questa scelta, nonché le proposte al Presidente Caldoro al fine di realizzare un sistema distributivo alternativo a quello previsto dalla gara Soresa, parimenti economico, ma identico nel modello distributivo per tutti i cittadini diabetici delle Asl na 1, na 2 e na 3 e per tutti i titolari di farmacie operanti in quei territori.
"Non ci interessa di chi siano le responsabilità, ma la Regione Campania, la Soresa ed i farmacisti non possono interrompere un servizio indispensabile per circa 60mila pazienti ricadenti nel territorio di competenza dell'Asl Napoli1". Così, in una nota congiunta, i consiglieri regionali campani dell'Italia dei Valori, Anita Sala e Nicola Marrazzo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©