Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Federico II, brillante lezione di Carlos Petit su “American Free Judge Movement”


Federico II, brillante lezione di Carlos Petit su “American Free Judge Movement”
25/05/2011, 10:05

Napoli – Non ha tradito le aspettative degli studenti, giunti in numero massiccio, l’interessante lezione conclusiva dei Corsi di Storia della Giustizia tenutasi presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in Corso Umberto I. La storica Aula ottagono, infatti, per l’occasione piena di studenti, docenti, e appassionati ha ospitato il chiar.mo prof. Carlos Petit, storico del diritto di fama internazionale, già docente di Storia del Diritto presso l’Universidad de Sevilla, Castilla-La Mancha, autonoma de Barcelona, e oggi ordinario nella stessa materia presso l’Universidad de Huelva, autore di libri e di numerose pubblicazioni su varie riviste di notevole prestigio. L’illustre relatore ha tenuto una brillante lezione dal titolo “American Free Judge Movement: storia di un libro mancato”. Un plauso al prof. Aldo Mazzacane per aver introdotto i lavori e per aver messo in luce le tematiche “nascoste” della lezione a tutto vantaggio degli studenti. Il docente ha trattato inizialmente il tema del realismo giuridico americano, per vero con grande pragmatismo e concretezza, mantenendo sempre un tono semplice, pulito e comprensibile per gli studenti. Allo stesso tempo però ha mostrato grande perizia e completezza di informazioni. Petit è riuscito a legare l’argomento del suo discorso, certamente di carattere tecnico, alle varie tematiche trattate dagli studenti nei rispettivi Corsi. Inevitabilmente poi il ragionamento si è spostato sulla funzione e sul ruolo della Storia del Diritto oggi. Carlos Petit allora ha voluto fare una provocazione: “Possiamo anche abolire la Storia del Diritto nelle Facoltà di Giurisprudenza”. “Si tratta – ha spiegato Petit - di una cosa giuridica, non solamente storica. Lo storico del diritto oggi deve essere una memoria del diritto”. Gli studenti hanno accolto l’invito dei chiarissimi professori A. Mazzacane, A. Cernigliaro, G.Alessi, L. Martone, C. Vano, partecipando attivamente alla lezione, ponendo domande ed esprimendo opinioni personali sull’argomento. “A me sembra – dice Angelica, studentessa della IV Cattedra di Storia della Giustiza – che la scienza giuridica americana sia ancora totalmente improntata sul realismo giuridico”. “L’intervento che più mi ha colpito in questa conferenza – commenta Maria Giorgia, anche lei studentessa della IV Cattedra - è stato quello in merito all’importanza della Storia del Diritto che si dovrebbe evolvere in una storia costituzionale aggiornata all’evoluzione giuridica che si è avuta nel tempo”. Una giornata proficua sia sotto gli aspetti didattici che della ricerca. È doveroso sottolineare l’indispensabile contributo offerto da Cristina Vano, docente della IV Cattedra di Storia del Diritto Medievale e Moderno e di Storia della Giustizia per il raggiungimento degli obiettivi di studio. Filippo Borriello

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©