Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indagine di Amadeus Italia - Federalberghi

Ferie: il 79% gli italiani non andrà in vacanza


Ferie: il 79% gli italiani non andrà in vacanza
23/06/2012, 11:06

ROMA   - Secondo una indagine di Amadeus Italia - Federalberghi,  sono 28 milioni gli italiani che andranno in vacanza e il 79% trascorrera' le ferie in Italia. Il 6% ha variato le proprie scelte turistiche a causa del sisma in Emilia. Il web si conferma il canale piu' utilizzato per le prenotazioni.   Le previsioni turistiche per l'estate 2012 stimano che gli italiani in vacanza saranno circa 27,8 milioni (tra maggiorenni e minorenni) pari al 46,1% della popolazione italiana (21,4 milioni over 18 e 6,4 under 18), trascorrendo nel corso di quest'estate uno o piu' periodi di vacanza con almeno un pernottamento fuori casa.
Complessivamente, l'estate 2012 mostra come la maggioranza degli italiani - il 70% - non cambiera' le proprie abitudini lasciando invariato rispetto allo scorso anno il numero di vacanze o viaggi anche di breve durata: il 19% afferma che ne fara' meno e l'8% che ne fara' qualcuna in piu' (giovani tra i 18 e i 24 anni, rappresentanti il 24% del campione).
Per quanto riguarda i vacanzieri maggiorenni (il 42.8%), si registrano punte soprattutto fra i giovani (nella fascia 18-24 anni il 64%, dai 25-44 anni il 50%), residenti al Nord Ovest (il 55%) e nel Centro Italia (43%), in grandi centri abitati (47%) e fra gli aventi un elevato livello di scolarizzazione (58%). Il 6% degli italiani si sarebbe lasciato condizionare per le proprie vacanze estive, anche di breve durata, dagli eventi sismici che hanno recentemente colpito l'Emilia: una parte di essi (4%) ha deciso di rinunciare alle vacanze estive, circa l'1% ha cancellato la sua prenotazione o ha deciso di recarsi all'estero; un marginale 0.4% ha semplicemente cambiato la destinazione pur rimanendo in Italia. Infine lo 0,7% ha rimandato le vacanze in un altro periodo dell'anno. Il 6% e' ancora indeciso sul da farsi.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©