Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Fermati sull'A1 con 51 grammi di cocaina purissima


Fermati sull'A1 con 51 grammi di cocaina purissima
11/10/2012, 09:38

Operazione degli agenti della polstrada che sulla Autostrada A/1 Milano – Napoli, al km 740 in direzione Milano dove una pattuglia, nel corso della  consueta attività di vigilanza stradale, finalizzata alla sicurezza e libertà di circolazione, attraverso una contestuale intensificazione dei servizi di prevenzione e repressione di ogni forma di criminalità, dopo aver  sottoposto  ad un controllo di Polizia un’autovettura  WV Polo ,  traeva in arresto ai sensi art.73 DPR 309/90 e 110 C.P., L.C. di anni 26 e C.V. di anni 24 ripettivamente conducente e trasportato del veicolo.  

L’attività di controllo effettuata dagli agentidellla Polstrada, insospettiti per causa della condotta di guida anomala dei due uomini finiti in manette, consentiva la scoperta di un ingente quantitativo di cocaina purissima (circa 51 grammi) che, nascosta negli slip di L.C., era destinata ad essere smerciata nella zona di residenza dei due malviventi. Questi ultimi infatti, risultano residenti a Forlì ma originari dell’area nord di Napoli. Inoltre  C.V. era in possesso di circa 300 euro in banconote di vario taglio.  L’intuito degli agenti si è rivelato decisivo nel corso della perquisizione personale e dell’autovettura, all’esito della quale veniva rinvenuta la sostanza stupefacente illegalmente detenuta ed occultata.

Lo stupefacente, è risultato esere purissimo, proprio per l’ingente quantitativo, era verosimilmente destinato ad essere tagliato, suddiviso in dosi e quindi  spacciato nella zona di residenza. Gli arrestati avrebbero effettuato il viaggio dal centro Italia fino all’Hinterland napoletano per l’acquisto di droga a prezzi “competitivi” nella Zona del Rione Traiano - nuova piazza di acquisto prescelta, come dichiarato dagli interessati, attesa la pressione effettuata dalle forze di Polizia nell’area di Scampia - per poi essere commercializzata, sul mercato del nord Italia. Inoltre L.C. risulta gravato dalla misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia   Giudiziaria connesso ad un procedimento penale pendente per il reato di resistenza a pubblico ufficiale,  presso i Carabinieri di Forlì.

Dopo aver regolarmente adempiuto a tale obbligo si spostava regolarmente in Area Campana per il perseguimento di attività di spaccio, per poi fare rientro ed ottemperare nuovamente ai vincoli. Per tali motivi entrambi sono stati tratti in arresto e tradotti presso la casa Circondariale di S.M. Capua Vetere, così come disposto dall’autorità giudiziaria competente. Ben si comprende lo spessore criminale dei sue soggetti che non hanno esitato a percorrere più di 500 Km per procacciarsi stupefacente che gli avrebbe consentito di conseguire facili e notevoli proventi. In effetti entrambi risultano gravati da numerose segnalazioni allo SDI per reati di rissa, resistenza a Pubblico Ufficiale,  in materia di stupefacenti e contro la persona.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©