Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fermato dalla polizia noto pregiudicato per rapina a mano armata


Fermato dalla polizia noto pregiudicato per rapina a mano armata
14/02/2014, 14:51

Ieri pomeriggio, i poliziotti del Commissariato San Giovanni Barra, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il pregiudicato 44enne di San Giovanni a Teduccio Nicola Attanasio. L’uomo è ritenuto gravemente indiziato di una rapina compiuta lo scorso 11 febbraio.Verso le 9 del mattino, si era presentato con volto coperto e pistola in pugno presso una ditta di lavorazione del vetro della zona. Sotto la minaccia dell’arma si era quindi fatto consegnare da un dipendete il denaro che teneva custodito nel portafogli e poi dal titolare quello dell’incasso custodito dal titolare in un cassetto chiuso a chiave, il tutto per un totale di 760 euro.Dopo che si era allontanato, il titolare della ditta aveva quindi avvisato la Polizia subito giunta sul posto. All’atto della denuncia, rilasciata presso gli uffici del Commissariato, le vittime della rapina hanno anche consegnato una chiavetta usb con delle riprese effettuate dal sistema di videosorveglianza.Dalla visione delle immagini, gli investigatori della Polizia hanno potuto vedere chiaramente tutti i momenti salienti della rapina, nonché i dettagli tanto dell’abbigliamento del rapinatore quanto della sua Toyota Yaris.  Le serrate ricerche dell’autovettura hanno portato al suo rinvenimento ieri mattina vicino ad uno stabile di Via Sorrento nel noto Rione Villa. Trovata l’autovettura è stato quindi identificato l’utilizzatore: il pregiudicato Nicola Attanasio. L’uomo è stato quindi poco dopo rintracciato presso la sua abitazione. Dopo una breve, ma quanto vana resistenza, il malvivente è stato immobilizzato. Tanto nell’appartamento, quanto nell’autovettura, sono state trovate parti dell’abbigliamento indossato dal 44enne durante la rapina.Nicola Attanasio, noto alla Polizia per i suoi precedenti penali tra i quali anche una condanna per rapina, è stato pertanto fermato e subito condotto alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©