Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ferrarelle suggerisce di rompere il vizio


Ferrarelle suggerisce di rompere il vizio
03/02/2010, 14:02


NAPOLI - Ferrarelle SpA aderisce al progetto “No Smoking Be Happy” promosso dalla Fondazione Umberto Veronesi, grazie al sostegno di Fondazione Pfizer e Pfizer Foundation, per sensibilizzare ragazzi e adulti sui rischi del fumo.
Ferrarelle SpA rappresenta da sempre un’azienda attenta al benessere dei suoi affezionati clienti e porta sul mercato prodotti che possono contribuire a condurre una vita sana dalle abitudini salutari. La vicinanza dei valori di Ferrarelle SpA a questa campagna è evidente: come non fumare è fondamentale per il benessere fisico, allo stesso modo lo è bere acqua.
“Abbiamo deciso di dare il nostro contributo a questa campagna, partendo in particolare dalla tappa che si svolgerà a Napoli, proprio per sottolineare la nostra attenzione nei confronti del benessere fisico” spiega Michele Pontecorvo, responsabile delle relazioni esterne di Ferrarelle SpA. “In questo modo - continua lo stesso Pontecorvo - sosteniamo anche una grande campagna che Fondazione Umberto Veronesi porta nelle piazze italiane: questa vicinanza di valori dà un valore aggiunto anche alla nostra azienda, che si schiera in questo modo in prima linea in questa battaglia”.
Il progetto triennale ha l’obiettivo di educare a corretti stili di vita: si concretizza attraverso una mostra itinerante destinata in particolare ai bambini e ai ragazzi, ma che raccoglie anche l’interesse degli adulti. Viene proposto ai visitatori un percorso all’interno del corpo umano per rivelare quali sono i danni provocati dal fumo. La prima tappa del 2010 di questo progetto è a Napoli, città di Ferrarelle SpA, dal 4 al 14 febbraio: proprio in questa occasione Ferrarelle SpA ha deciso di aderire al progetto poiché ne condivide le finalità. La campagna pubblicitaria a supporto dell’iniziativa suggerisce di smettere di fumare e di bere acqua, per le sue proprietà depurative: una buona abitudine che potrebbe aiutare a sostituire quella di fumare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©