Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Uno dei frequentatori di Eroticgessica.com sieropositivo

Festini a luci rosse ai Castelli Romani, è paura Aids


Festini a luci rosse ai Castelli Romani, è paura Aids
02/03/2009, 18:03

I frequentatori abituali di una villa ai Castelli Romani, dove si organizzavano incontri hard, sono stati messi in allarme da un’indagine della Procura di Velletri, scattata in seguito alla scoperta che uno dei transessuali che partecipavano ai festini è sieropositivo. Gli appuntamenti, a pagamento, erano organizzati dal sito Eroticgessica.com, per questo tutti gli iscritti (quasi trecentomila persone) sono stati allertati affinchè al più presto si sottopongano ad accertamenti sanitari.

Molti dei frequentatori usavano infatti avere rapporti sessuali senza alcuna protezione e quindi il rischio che il virus si sia diffuso tra di loro è molto alto. Avvisarli tutti, uno per uno, sarebbe stato impossibile: da qui l’appello dei carabinieri a tutti gli iscritti.

Il sito web incriminato, attualmente raggiungibile ancora sebbene non aggiornato da cinque mesi, mostra decine di fotografie con contenuti espliciti, nei quali sono visibili alcuni dei partecipanti (a volto coperto) che hanno rapporti sessuali senza precauzioni. Le persone coinvolte nell’organizzazione dei festini, “Ivano” e “Gessica”, due agenti di polizia penitenziaria, sono finiti in manette insieme a “Luana Trans”. I tre organizzavano a pagamento un giro di prostituzione e filmini porno, sesso di gruppo e varie specialità a luci rosse.

Un mondo di sesso, quindi, apparentemente casereccio, del tutto amatoriale, ma dietro il quale si nascondeva una vera e propria casa di appuntamenti con annesso giro di prostituzione.

Ottenere un appuntamento era molto facile: bastava raggiungere l’indirizzo internet del sito della ‘coppia amatoriale romana’, il cui messaggio pubblicitario era, come riferito dalle forze dell’ordine, inequivocabile: “sedicente sito amatoriale di una coppia romana che promette l’organizzazione di addii al celibato, compleanni, feste private a tema ed eventi trasgressivi in genere”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©