Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fiamme Gialle, ad Agropoli scoperta frode fiscale per 38 milioni di Euro


Fiamme Gialle, ad Agropoli scoperta frode fiscale per 38 milioni di Euro
25/08/2011, 15:08

I finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Agropoli, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania, dott. Giancarlo GRIPPO e dal Sost. Proc. Valeria PALMIERI, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per “equivalente” emesso dalla Dott.ssa Valeria CERULLI - G.I.P. del Tribunale di Vallo della Lucania nei confronti del rappresentante legale di una società con sede legale a Verona, stabilimenti e depositi dichiarati in Salerno, Capaccio (SA) e Belfiore (VR), e sede amministrativa ad Agropoli (SA).
L’esecuzione della misura cautelare reale deriva dalle indagini di p.g. svolte d’iniziativa dalle Fiamme Gialle di Agropoli in seguito all’esecuzione di una verifica fiscale nei confronti della società operante nel settore del commercio di prodotti alimentari.
Al termine delle indagini l’amministratrice, G.G., di 43 anni, è stata denunciata per i reati di occultamento delle scritture contabili, omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali, dichiarazione infedele e mancato versamento dell’Iva dovuta.
Difatti, le investigazioni eseguite dai verificatori della Guardia di Finanza hanno permesso di far emergere l’ingente evasione fiscale perpetrata attraverso tale società di capitali, in seguito alla constatazione della sottrazione di materia imponibile ai fini delle imposte sui redditi per oltre 32,5 milioni di Euro ed ai fini Iva per 5,5 milioni di Euro.
Sulla base delle risultanze investigative, su richiesta del P.M., il Giudice per le indagini preliminari ha disposto il sequestro preventivo dei beni intestati all’amministratrice e socia dell’impresa, fino all’ammontare di 2,7 milioni di Euro.
Il sequestro è scattato su tutti i beni intestati alla medesima, con la conseguente applicazione del vincolo cautelare su disponibilità finanziarie, due veicoli e due unità immobiliari site nel Comune di Ercolano (NA), del valore complessivo di 152 mila Euro.
Il sequestro è stato reso possibile dall’applicazione della norma che - introdotta con la legge finanziaria per il 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244) - estende anche ai reati tributari la c.d. “confisca per equivalente”, ossia la possibilità, qualora non si possa procedere alla confisca dei beni che costituiscono il diretto profitto del reato, di “aggredire” comunque i beni di cui il reo abbia la disponibilità, per un valore corrispondente al suddetto profitto.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©