Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fiamme Gialle. Controlli per lavoro sommerso nel vallo di Lauro


Fiamme Gialle. Controlli per lavoro sommerso nel vallo di Lauro
14/03/2012, 11:03

Una percentuale di irregolarità del 100%, con 6 lavoratori su 6 completamente “in nero”. Questa la situazione con cui, nella mattinata di ieri, si son dovuti confrontare i finanzieri della Tenenza di Baiano dopo l’accesso presso un cantiere edile di Lauro.
Il luogo di lavoro era stato individuato gli uomini agli ordini del maresciallo aiutante Marcello Daniele sulla base di una attenta ricerca informativa, in esecuzione dello specifico piano di contrasto al lavoro irregolare cui il Comando Provinciale di Avellino sta dedicando particolare attenzione, con interventi mirati in tutto il territorio della provincia.
Il blitz è partito alle prime ore della mattina ed ha visto l’impiego una decina di militari, sia in abiti borghesi che in uniforme, che hanno prima identificato i lavoratori presenti sul cantiere e successivamente raccolte le dichiarazioni onde procedere alla verifica delle rispettive posizioni contributive. Alla fine, purtroppo, non poteva che constatarsi che tutti e sei i lavoratori sorpresi nel cantiere erano completamente “in nero”.
Uno dei sei lavoratori, identificato per tale H.A. (di anni 35), era inoltre un cittadino extracomunitario privo di permesso di soggiorno: dopo gli accertamenti di rito presso la Questura, nella mattinata odierna nei suoi confronti la Prefettura di Avellino emetteva specifico decreto di espulsione.

Per la società responsabile dei lavori, avente sede nella provincia di Napoli, sono scattate le sanzioni previste in materia di irregolarità contributiva applicate, secondo l’ultima specifica normativa, direttamente dalla Guardia di Finanza, oltre alla conseguente sanzione accessoria della chiusura del cantiere in argomento, disposta dalla Direzione Territoriale del Lavoro di Avellino.
Nei confronti del titolare della ditta, identificato per tale G.P. (di anni 39), originario di Saviano (NA), oltre alle citate sanzioni amministrative in materia previdenziale è scattata anche la denuncia a piede libero per la violazione dell’articolo 22 del Testo Unico sull’Immigrazione (decreto legislativo nr. 286 del 25 luglio 1998, meglio noto come “legge Turco-Napolitano”).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©