Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fiat, Nappi incontra i vertici aziendali


Fiat, Nappi incontra i vertici aziendali
17/06/2011, 11:06

L'assessore al Lavoro Severino Nappi ha incontrato i vertici sindacali e aziendali campani del gruppo Fiat per fare il punto sul rilancio produttivo di Pomigliano.

In questi giorni prende il via il processo di riassunzione dei lavoratori, che verrà sostenuto, nelle more della sua realizzazione, da ulteriori interventi integrativi, a carico del Governo nazionale.

Allo scopo di monitorare le attività, la Regione Campania, seguirà costantemente l’attuazione del piano, affinchè vengano rispettate le intese raggiunte con le parti sociali, rivolte alla salvaguardia dei livelli occupazionali delle imprese interessate.

Per quanto riguarda lo stabilimento di Pomigliano "G.B. Vico", è emersa la disponibilità di Fabbrica Italia ad un assorbimento di un migliaio di lavoratori già a gennaio 2012 nell'ambito del percorso che si avvierà il prossimo 15 luglio.

Su richiesta della Regione è stata altresì confermata la destinazione dello stabilimento di Nola (cui sono addetti circa 300 lavoratori) a polo logistico di eccellenza, al servizio di tutti gli stabilimenti del Centro-Sud. In questa prospettiva verrà avviata la procedura di riorganizzazione aziendale che si svolgerà, per le fasi di confronto sindacale, con il supporto dell’Area Lavoro della Regione Campania.

Anche per lo stabilimento Magneti Marelli verrà avviata analoga procedura di riorganizzazione aziendale funzionale ad un recupero di produttività del complesso che coinvolge altri 1000 lavoratori circa.

La Regione vigilerà affinchè riparta l'attività produttiva e si impegna ad effettuare lo stesso monitoraggio anche sugli oltre venti siti produttivi di fornitori diretti di Fabbrica Italia presenti al momento sul territorio campano.

Nei prossimi giorni ci sarà una visita istituzionale dell'assessore al Lavoro Nappi presso gli stabilimenti di Pomigliano e Nola, a testimonianza del concreto interessamento ed impegno della Regione per sostenere le attività produttive e il lavoro campano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©