Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La società vuole imporre regole diverse dal CCNL

Fiat: no dei sindacati ad un contratto ad hoc, chiusa la trattativa


Fiat: no dei sindacati ad un contratto ad hoc, chiusa la trattativa
03/12/2010, 13:12

TORINO - Chiusa qualsiasi trattativa tra la Fiat e i sindacati sul futuro dello stabilimento torinese di Mirafiori. E' stata la società a chiudere la discussione davanti al no - deciso quello della Fiom-Cgil, meno netti quelli di Film e Uilm - dei sindacati alla imposizione della società automobilistica di un contratto per i dipendenti al di fuori delle regole del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Ugl e Fismic invece avevano dato il loro assenso.
In effetti si chiarisce quale sia il piano della Fiat: innanzitutto creare una nuova società (il nome dovrebbe essere "Nuova Mirafiori") in joint-venture con la Chrysler. Tutti i lavoratori dello stabilimento torinese della Fiat verrebbero licenziati e riassunti dalla nuova società che però agisce al di fuori del contratto nazionale per i metalmeccanici, e quindi con la libertà di inserire le clausole che si vorranno.
Insomma, come era prevedibile, Pomigliano d'Arco è stato solo il banco di prova. Una volta introdotto lì un contratto vessatorio, con l'appoggio del governo italiano, la stessa cosa verrà introdotta a poco a poco ovunque. E Mirafiori è solo il secondo passo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©