Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per la Fiom gli straordinari non sono una soluzione

Fiat Pomigliano, sciopero per primo sabato straordinario


.

Fiat Pomigliano, sciopero per primo sabato straordinario
12/02/2015, 15:28

La Fiom proclama otto ore di sciopero per il primo dei tre sabati di straordinario previsti per il 14, il 21 e 28 febbraio comandati dalla Fiat Chrisler di Pomigliano d'Arco, per far fronte au aumento di richieste della panda. I metalmeccanici della Cgil distribuiranno in queste ore ai cancelli della fabbrica un volantino contenente un invito a essere solidali e aderire allo sciopero del 14. 
I motivi dello sciopero sono da ricondursi al fatto che, secondo la Fiom, i i sabati di straordinario ''non sono l'unica soluzione per fronteggiare l'impennata di richieste'', mentre un'altra possibilità potrebbe essere istituire il terzo turno ed attivarlo quando lo richiede il mercato, permettendo anche a chi è in contratto di solidarietà di inserirsi nel ciclo produttivo''. Inoltre, si aggiunge che ''L'impennata di richieste di Panda è un elemento positivo che permette di revocare la cig, ma l'utilizzo dello straordinariocon circa 2000 lavoratori ancora in CDS è ingiusto ed immorale.La testardaggine a voler ricorrere al sabato di straordinario appare un ennesimo tentativo di contrapporre lavoratori contro lavoratori''.
In disaccordo, rispetto alla decisione della Fiom Giovanni Sgambati, segretario Uilm in Campania, che ha commentato "Mi sembra un comportamento senza senso, è come se volessimo avvelenare i pozzi d'acqua neldeserto. C'è talmente poco lavoro in Italia, e nel Sud in particolare", aggiungendo che "Pensare di contrastare i picchi di produzione con relazioni sindacali più orientate al passato che al futuro vuol dire non sapere cogliere il tentativo di chi generosamente ha offerto alla Fiom una possibilità di riavvicinamento. Il modo migliore per recuperare i lavoratori,come stiamo chiedendo, è fare auto di qualità e continuare achiedere produzioni aggiuntive per lo stabilimento di Pomigliano".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©