Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fiat Pomigliano, Ugl Metalmeccanici: "Bene incontro, segnali tangibili di avvio investimento"


Fiat Pomigliano, Ugl Metalmeccanici: 'Bene incontro, segnali tangibili di avvio investimento'
11/05/2011, 18:05

“Seicentoventi nuovi robot sono seicentoventi certezze, che riguardano non solo i quasi cinquemila lavoratori di Pomigliano, ma tutti i dipendenti di Fiat e dell’indotto, il cui futuro occupazionale dipende dalla partenza del piano Fabbrica Italia”.

Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio D’Anolfo, commentando l’incontro tra sindacati e Fiat a Napoli sullo stato dei lavori per la partenza della produzione della nuova Panda, nel corso del quale sono stati presentati i macchinari destinati all’avvio dell’investimento.

“Finalmente – prosegue il sindacalista – abbiamo anche un calendario preciso, che prevede per metà ottobre l’arrivo della prima vettura in linea, ed entro la fine dell’anno il lancio del modello sul mercato”.

“Si tratta di segnali tangibili – conclude – che danno ragione a chi, responsabilmente, si è adoperato da subito per assicurare un investimento vitale per Pomigliano, nonostante le critiche di chi affermava che ogni trattativa sarebbe stata vana, e che le reali intenzioni di Fiat erano quelle di delocalizzare”.

Per il segretario provinciale dell’Ugl Metalmeccanici di Napoli, Ciro Esposito, “nel corso dell’incontro di oggi l’azienda ha dimostrato di rispettare gli impegni presi”.

“Tra circa due settimane - prosegue - inizierà una serie di incontri periodici finalizzati al monitoraggio dello stato dei lavori. Vigileremo con attenzione che le scadenze siano rispettate e che tutto scorra nel migliore dei modi, perché a Pomigliano c’è veramente un grande bisogno di tornare al più presto in fabbrica a pieno ritmo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©