Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In Italia la costruzione di una piccola citycar

Fiat, va verso gli Usa la produzione dei suv


Fiat, va verso gli Usa la produzione dei suv
31/08/2011, 20:08

ROMA – La Fiat starebbe progettando lo spostamento della prevista produzione dei suv Jeep e Alfa Romeo da Mirafiori agli Stati Uniti. Allo stabilimento italiano sarebbe, invece, destinata la costruzione di una piccola citycar. L’indiscrezione è stata riportata dall'agenzia Bloomberg. Al momento, però, pare che non ci sia ancora nulla di ufficiale: la valutazione sarebbe ancora in corso. Ma la notizia ha generato, comunque, preoccupazione tra i lavoratori anche perché lo spostamento segnerebbe un duro colpo ai piani di sviluppo della Fiat in Italia.

Proprio oggi Fim, Uilm, Fismic, Associazione Quadri e Ugl hanno chiesto un incontro all'azienda per avere chiarimenti sul futuro dello stabilimento di Mirafiori. Sulla decisione, potrebbe pesare l'impatto sul costo del prodotto del cambio euro-dollaro visto che i suv sarebbero, soprattutto, destinati al mercato statunitense. Nei giorni scorsi l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, aveva rassicurato il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, sull'investimento, pari a un miliardo di euro, per Mirafiori, ma non era emersa una decisione riguardo al modello da produrre.

In allarme sono anche i sindacati. Giorgio Airaudo, responsabile Auto della Fiom, ha chiesto al governo la convocazione di un tavolo per non lasciare da soli i lavoratori di Termini, dell'Irisbus e di Mirafiori. “Per vedere tutti i suoi attuali dipendenti occupati e gli spazi utilizzati in modo produttivo – sostiene  Airaudo - Mirafiori ha bisogno di prodotti sofisticati che siano giustificati dal punto di vista dei volumi. Altrimenti è evidente che si prepara un nuovo ridimensionamento dello stabilimento. Se fosse vero che all'Italia è destinata solo la produzione di auto a basso margine, come la Panda e la Citycar, le prospettive restano incerte”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©