Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La tempesta ha colpito di notte con tutta la sua furia

Filippine, Washi porta morte e distruzione: 200 le vittime

Interi villaggi rasi al suolo dalle piogge torrenziali

Filippine, Washi porta morte e distruzione: 200 le vittime
17/12/2011, 10:12

MANILA – Washi, una violenta tempesta tropicale, si è abbattuta nel sud delle Filippine, portandosi dietro morte e distruzione. È così che le isole, soprattutto quella di Mindanao, si sono ritrovate travolte da forti piogge torrenziali, con venti dalla potenza pari a 90 chilometri orari, a causa dei quali sono stati interrotti tutti i voli, si sono verificati numerosi blackout, mentre interi villaggi sono stati rasi al suolo dall’acqua e dalle frane. Ma è soprattutto il bilancio delle vittime a dirla lunga sulla portata di questa nuova tragedia: è di almeno 200 morti, oltre 400 dispersi e circa 100mila sfollati, infatti, il bilancio di queste nuove alluvioni. Cifre che purtroppo, è quello che si teme, potrebbero aumentare nel corso delle prossime ore. Il tifone, con tutta la sua furia, ha colpito di notte, e quindi ha sorpreso la popolazione durante il sonno. Per il momento sono circa 20mila i soldati mobilitati per le operazioni di soccorso in tutta la vasta area colpita dalla tempesta. Anche se ogni anno le Filippine vengono investite da diverse tempeste tropicali e tifoni (solo lo scorso anno ci sono stati due tifoni) il presidente Benigno Aquino III , allarmato per l’alto numero di vittime, ha chiesto ai responsabili la massima assistenza possibile nelle zona colpite.

97 BAMBINI MORTI SOLO A CAGAYAN DE ORO
Ben 97 cadaveri, per lo più di bambini, sono stati recuperati nella sola Cagayan de Oro, la città portuale completamente allagata. Qui un’intera divisione dell’esercito, pari a 10mila soldati, è impegnata nelle operazioni di soccorso, dove vive mezzo milione di persone. Tre elicotteri perlustrano le zone in cui si stanno ritirando le acque in cerca di superstiti. Ad essere devastata è anche l’altra città portuale di Iligan, dove si registrano 75 morti per annegamento e cinque minatori sono rimasti sepolti sotto una frana.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©