Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Truffa ai danni dell'Unione Europea: 12 persone in manette

Finanziamenti comunitari percepiti illegalmente nel reggino

Coinvolte a Locri persone vicine all'ndrangheta

Finanziamenti comunitari percepiti illegalmente nel reggino
05/12/2011, 13:12

LOCRI (RC) -  Una vera e propria truffa ai danni dell'Unione Europea ha reso come sfondo il territorio di Locri. I Carabinieri del Comando Politiche Agricole e Alimentari e del Comando Provinciale di Reggio Calabria stanno eseguendo, infatti, 12 misure cautelari agli arresti domiciliari nei confronti di persone accusate a vario titolo di conseguimento illecito dI fondi comunitari. I provvedimenti cautelari scaturiscono da indagini svolte dai Carabinieri del Gruppo di Locri, grazie alla quale sono state denunciate 48 persone ritenute vicine alle cosche della 'ndrangheta dei Morabito-Bruzzaniti-Palamara e Mollica-Morabito di Africo e Vottari, Nirta di San Luca, nel reggino. Contestualmente agli arresti è stato eseguito anche un sequestro di beni per il valore di circa 1 milione di euro nei confronti di 25 indagati. Queste persone si avvalevano di una fitta rete di complicità di diversi operatori dei Centri di assistenza agricola e di alcuni organi di controllo amministrativi. Grazie a queste complicità, secondo l'accusa, 30 allevatori hanno presentato una fittizia dichiarazione all'Agenzia per le erogazioni in agricoltura dalla quale risultava il possesso di centinaia di capi ovicaprini in realtà inesistenti o superiori alla realtà allo scopo di ottenere dal Servizio veterinario il codice ed il registro aziendale necessari per presentare le istanze di finanziamento. Alcuni ispettori degli Uffici provinciali agricoltura incaricati dei controlli, inoltre, nel corso delle verifiche delegate dall'Agenzia per le erogazioni in agricoltura avrebbero attestato la presenza negli allevamenti di capi di bestiame mai posseduti dagli allevatori. La complicità dei responsabili di alcuni Centri di assistenza agricola, infine, consentiva alla banda di ottenere l'inserimento nel Sistema informativo agricolo nazionale di domande di pagamento incomplete o riportanti dati palesemente falsi.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©