Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’accusa è di truffa aggravata ai danni dello Stato

Finanziamenti: indagato Denis Verdini per il suo Giornale

Maxi operazione: sono in tutto 19 gli indagati

Finanziamenti: indagato Denis Verdini per il suo Giornale
25/10/2011, 15:10

ROMA – Nuovo giro di boa in materia di finanziamenti pubblici ai giornali. A finire nel mirino degli investigatori questa volta è il Giornale della Toscana, diretto da Luciano Olivari: al riguardo anche Denis Verdini, coordinatore nazionale del Pdl, finisce indagato con l’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato. Il tutto rientra nell’inchiesta, portata avanti dalla Procura di Firenze, relativa ai finanziamenti pubblici ricevuti dal Giornale della Toscana, del quale lo stesso Verdini è stato uno dei fondatori. Oltre al coordinatore nazionale del Pdl, però, sono coinvolte nel complesso 19 persone: la Guardia di Finanza, infatti, sta eseguendo in queste ore un maxi sequestro di beni tra la Toscana e il Lazio, il cui valore è approssimativamente stimato intorno ai 10 milioni di euro e riconducibili a tutti i 19 indagati. Proprio in questa cifra vi sarebbe una parte dei finanziamenti pubblici, che secondo l’accusa sarebbero stati percepiti illecitamente.
Era stata la stessa Procura di Firenze, nei giorni scorsi, a chiudere un’inchiesta sulla gestione dell’istituto bancario Credito Cooperativo Fiorentino, già presieduto da Denis Verdini fino al mese di luglio del 2010: sono stati 55 gli avvisi di chiusura indagine notificati dai pm e tra gli indagati figurano lo stesso Verdini ed il senatore Marcello Dell’Utri, sempre del Pdl. Secondo quanto si apprende le indagini si incrocerebbero con quelle romane sulla cosiddetta loggia P3: fra gli episodi che ora sono al vaglio dei magistrati romani e della Guardia di Finanza che indagano sulla P3, infatti, ci sarebbero anche flussi di denaro che avrebbero riguardato la Società Toscana Edizione (Ste), editrice del Giornale della Toscana, e il Credito Cooperativo Fiorentino, quando presieduto da Verdini.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©