Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Governo il 18 febbraio avvierà la trattativa sindacale

Fincantieri: la pioggia non ferma lo sciopero degli operai


.

Fincantieri: la pioggia non ferma lo sciopero degli operai
10/02/2010, 13:02

CASTELLAMMARE DI STABIA – Le proteste degli operai della Fincantieri di Castellamare di Stabia continuano per il terzo giorno consecutivo, con il supporto anche dei colleghi dell’Avis, un’azienda che produce componenti per i vagoni ferroviari. Dopo le manifestazioni di lunedì scorso e gli scontri con le forze dell’ordine, i lavoratori sono intenzionati a continuare ad incrociare le braccia fino a quando non otterranno risposte concrete da parte del Ministero delle Attività produttive. Proprio il Ministro Scajola negli ultimi incontri tenutesi a gennaio aveva annunciato che ci sarebbe stata la commessa da parte del Ministero della difesa di ben due pattugliatori della Guardia Costiera, ma fino ai giorni scorsi la richiesta a Fincantieri non era ancora giunta. Nella tarda serata di martedì dal Governo hanno fatto sapere che a breve verranno stanziatele risorse per dare il via libera alla costruzione delle due imbarcazioni della Marina Militare e così garantire la produzione allo stabilimento stabiese. Inoltre il 18 febbraio verranno convocati a Roma i sindacati per discutere della vertenza cantieri navali.
Le proteste però continuano. Gli scioperanti sono sempre più diffidenti verso le istituzioni e nel corteo di stamattina hanno raccolto la solidarietà dei commercianti che hanno abbassato le saracinesche per mostrarsi vicini ad un problema che rischia di coinvolgere l’intero tessuto economico della città. Ad essere vicini agli operai anche gli studenti del liceo classico “Plinio Seniore” che hanno messo da parte i libri per far sentire il loro grido di protesta. In città il clima non è dei migliori, la preoccupazione è latente negli occhi dei cittadini che potrebbero vedere scomparire una delle poche realtà produttive dell’area stabiese. 
Il sindaco di Castellammare Salvatore Vozza ha rassicurato i lavoratori che nei prossimi giorni saranno convocati dal Prefetto di Napoli Alessandro Pansa. Il problema della vertenza Fincantieri sembra essersi spostato dalla volontà del Governo a quella di alcune imprese che non sarebbero più disposte a sostenere gli investimenti nel polo produttivo di Stabia.

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©