Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Colloquio con Berlusconi e rapido dietrofront del Ministro

Finita la sceneggiata, la Carfagna non si dimette più


Finita la sceneggiata, la Carfagna non si dimette più
25/11/2010, 16:11

ROMA - Come era prevedibile, la ribellione di Mara Carfagna si spegne subito. E' bastato un colloquio con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per farle cambiare idea. Già questa mattina, infatti, il Ministro per le Pari opportunità era chiusa la vicenda: "Ieri ho avuto un lungo colloquio con il presidente Berlusconi che ringrazio per la sua disponibilità a comprendere i problemi. Quanto ai problemi con il Pdl, oggi vedrò i vertici del partito".Scelta contraddittoria, rispetto alle dichiarazioni dei giorni scorsi, in cui aveva detto che non recedeva dal suo proposito di abbandonare il governo dopo il 14 dicembre per "una questione di dignità". E la questione specifica su cui aveva protestato? La sua contrarietà a che la gestione dei termovalorizzatori in Campania vada ai presidenti delle province, anzichè al governatore della regione Stefano Caldoro? Svanito tutto, non conta più nulla. L'importante è tornare nelle grazie del Presidente del Consiglio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©