Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sospetti su alcuni medici e carrozzieri

Finti incidenti, nei guai quattro persone di Salerno


Finti incidenti, nei guai quattro persone di Salerno
20/02/2010, 11:02


SALERNO - Inventavano falsi incidenti stradali per intascare i premi assicurativi. La truffa è stata scoperta dai carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania che hanno denunciato a piede libero (con l’accusa di truffa) quattro persone, tutte residenti a Salerno.  Incidenti esistenti solo sulla carta, mai avvenuti ma solo simulati utilizzando falsi testimoni: in questo consisteva la truffa alle compagnie di assicurazione scoperta dai carabinieri della stazione di Cuccaro Vetere, coordinata dal capitano Daniele Campa. Le indagini hanno preso il via alcune settimane fa quando una persona di Cuccaro Vetere si era recata presso la locale stazione dei carabinieri per denunciare l’aumento, improvviso ed immotivato, della polizza assicurativa della propria auto. Un aumento ingiustificato, che aveva insospettito subito i carabinieri. E’ così che erano iniziate le indagini, terminate solo ieri con l’identificazione e la denuncia alla procura vallese dei responsabili. In pratica i quattro salernitani compilavano falsi modelli di costatazione amichevole, inserendo come controparte ignari automobilisti. Inoltre, pur di rendere la truffa veritiera, venivano inseriti all’interno dei Cid anche nomi di finti passeggeri, che in cambio di somme di denaro, si recavano in ospedale a farsi refertare. L’indagine non è conclusa. C’è ancora da valutare attentamente la posizione di altre persone, alcune di Vallo, ed in particolar modo di medici, periti e carrozzieri. Sulla vicenda c’è ancora il massimo riserbo. Da quello che emerge però, la direzione in cui stanno indagando i carabinieri farebbe pensare all’esistenza di un vero e proprio sodalizio. I controlli sono indirizzati soprattutto nella zona di Vallo della Lucania, dove potrebbe esserci uno dei referenti del gruppo.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©