Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'uomo spiegava le sue assenze con 'missioni segrete'

Finto carabiniere per districarsi tra 2 amanti, denunciato


Finto carabiniere per districarsi tra 2 amanti, denunciato
27/08/2009, 19:08

Nella realtà è un cuoco ma, per avere contemporaneamente due relazioni sentimentali, aveva scelto un espediente tanto originale quanto rischioso: diceva di essere un capitano del Ros dei carabinieri e che spesso doveva partire per missioni segrete. Durante le quali, s’intende, non avrebbero dovuto disturbarlo per nessuno motivo. Il trucchetto può anche aver funzionato per qualche tempo, ma quel che è certo è che S. L., originario di Marianopoli (Caltanissetta) ma residente in Brianza, ha rimediato una denuncia per sostituzione di persona, porto di armi od oggetti atti ad offendere e possesso di distintivi contraffatti in uso ai corpi di polizia e rischia una pena fino a 4 anni di reclusione, senza contare le possibili richieste di risarcimento per danni morali da parte delle due conviventi. L’uomo, che faceva il cuoco in provincia di Como, aveva raccontato a due donne di essere un militare infiltrato per conto dei servizi segreti e, inventandosi di volta in volta una missione nuova, poteva allontanarsi dalla prima convivente e raggiungere la seconda e viceversa.  Le cose sono andate bene fin quando una delle due donne, con la quale aveva affittato un appartamento nel comune di Oggiono, insospettita da alcuni atteggiamenti, si è rivolta ai carabinieri raccontando tutti. I militari della Compagnia di Merate (Lecco) hanno così avviato gli accertamenti e smascherato il finto capitano; durante le indagini è emerso che il quarantanovenne, con precedenti per minaccia e danneggiamento, risultava residente a Santa Maria Hoe’, altro comune della provincia. I militari lo hanno rintracciato in quell’appartamento, mentre era con un’altra donna. Nel corso della perquisizione sono finiti sotto sequestro quattro portatessere con distintivo metallico in uso a carabinieri, polizia, guardia di finanza e marina militare, una pistola scacciacani con fondina ascellare e due finti tesserini con la scritta “capitano dei carabinieri” ed i dati anagrafici del cuoco. La foto in divisa, che mostrava velocemente e da lontano, era in realtà dell’attore Enrico Montesano, probabilmente presa dal film “I due Carabinieri”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©