Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indetta a Roma una conferenza stampa

Firenze, Casapound: paura scorra altro sangue


Firenze, Casapound: paura scorra altro sangue
14/12/2011, 20:12

FIRENZE - CasaPound Italia organizza una conferenza stampa a Roma sulla strage di Firenze compiuta da Gianluca Casseri, il cinquantenne sostenitore dell’associazione neo-fascista, suicidatosi dopo aver ucciso due senegalesi e ferito altre tre persone in due mercati rionali della città. Inoltre, Casseri ha inviato una lettera all’ambasciata del Senegal a Roma. L’altra alla comunità senegalese di Roma ed una terza lettera al primo cittadino Matteo Renzi per esprimere il proprio dolore riguardo all’accaduto di ieri e dichiararsi totalmente estraneo ai fatti. Al sindaco della città toscana e alla comunità senegalese hanno chiesto «un incontro privato o pubblico, per confrontarci con rispetto e, per quanto possibile, con serenità». Il presidente di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, non ha nascosto la sua preoccupazione. «È in atto un tentativo osceno di dare una matrice politica a questo folle gesto - ha denunciato - si sta aprendo una nuova stagione di caccia alle streghe. Soffiando sul fuoco, il timore è che partiranno nuovi attacchi, si farà scorrere altro sangue. Per questo motivo ho dato ordine ai militari e agli iscritti di CasaPound di mantenere il sangue freddo e gli occhi aperti”. Alla domanda su chi sia a soffiare sul fuoco, Iannone non ha esitato a rispondere: “Ci sono esponenti dell'Idv e del Pd, persone che fanno politica in doppiopetto, che cercano l'eliminazione di una formazione nemica dall'arena politica, dandoci degli untori. E Casapound, che non ha padrini né padroni, è un facile obiettivo».
Alla conferenza stampa hanno preso parte anche esponenti del Pdl come il senatore Francesco Aracri ed il Consigliere Comunale Ugo Cassone pronti a dichiarare la sincerità e la serietà delle azioni dell’organizzazione.
Intanto oggi, sui muri del centro storico di Padova sono comparse varie scritte contro CasaPound Italia, mentre più di 5000 persone hanno sfilato per le vie del Centro di Padova per un corteo indetto dalla comunità senegalese. A questa manifestazione hanno preso parte politici e sindacati, nonché il primo cittadino di Pisa Marco Filippeschi, accompagnato da alcuni esponenti della giunta comunale e provinciale.
“Quello che è accaduto a Firenze – ha dichiarato l’assessore provinciale alla legalità Gabriele Santoni – non può e non deve essere sottovalutato. Bisogna riflettere e cominciare a colpire quelle organizzazioni che alimentano la violenza xenofoba come CasaPound ed altre legate all’estrema destra”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©