Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Inseguito dai Carabinieri, è stato ucciso in una sparatoria

Firenze: estremista di destra uccide tre ambulanti senegalesi


Firenze: estremista di destra uccide tre ambulanti senegalesi
13/12/2011, 16:12

FIRENZE - Mattinata di sangue a Firenze. Un uomo - descritto come un italiano di circa 50 anni, con i capelli brizzolati - si è fatto largo tra le bancarelle del mercato in piazza Dalmazia, nella parte nord della città, e ha impugnato una pistola (sembra dalle prime testimonianze una 357 magnum) e ha aperto il fuoco contro alcuni venditori ambulanti senegalesi. Due di loro sono morti, mentre il terzo è stato gravemente ferito ed ora è ricoverato all'ospedale di Careggi.
Del tutto ignote, al momento, le cause del duplice omicidio, mentre i Carabinieri stanno investigando per rintracciare l'assassino. Che, quando è scappato, secondo i testimoni, è salito su una autovettura, probabilmente una Volkswagen, bianca o comunque di colore chiaro. Un edicolante ha provato a sbarrargli la strada, ma l'omicida gli ha puntato la pistola in faccia, costringendolo a lasciare libero il passaggio. Tuttavia, prima che si allontanasse, un altro passante col cellulare è riuscito a fargli diverse fotografie, compresa una alla targa dell'autovettura usata per la fuga.


Aggiornamento ore 16.00

Non contento, il responsabile si è recato nel vicino mercato di San Lorenzo, nei pressi del Duomo, e anche lì ha aperto il fuoco contro un ambulante senegalese, ferendolo gravemente. Ora il nordafricano è stato ricoverato, come il primo, all'ospedale di Careggi. Poi si è spostato dall'altra parte del mercato, dove ha incrociato un altro senegalese. Anche in questo caso, l'uomo ha estratto la pistola e ha fatto fuoco. Il ferito è stato immediatamente trasportato in ospedale, dove poco dopo è morto per l'eccessiva gravità delle ferite.
Nel frattempo i Carabinieri hanno identificato l'uomo: si tratta di Gianluca Casseri, pistoiese di 50 anni, più volte partecipanti ai cortei e alle manifestazioni di Casapound, a cui era iscritto presso la sede di Pistoia. E' partita la caccia all'uomo, terminata in un parcheggio sotterraneo in zona San Lorenzo, dove l'uomo, all'alt dei Carabinieri, ha aperto il fuoco. Dopo alcuni minuti di conflitto a fuoco, l'uomo è morto, non si sa se per suicidio o colpito dai proiettili del Carabinieri. Si cerca di capire quali siano le motivazioni del duplice omicidio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©