Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'uomo aggredito in casa nella giornata di ieri

Firenze, morto l'anziano pasticcere picchiato e rapinato


Firenze, morto l'anziano pasticcere picchiato e rapinato
26/04/2010, 21:04

FIRENZE – Non ce l'ha fatta, Massimiliano Da Lio, l'anziano pasticcere di Firenze, picchiato brutalmente nel corso di una rapina. Il suo cuore ha smesso di battere nel pomeriggio di oggi.
L'episodio è avvenuto nella giornata di ieri, intorno alle 6:30 del mattino. Il 62enne è stato aggredito mentre rientrava nella sua abitazione di Tavarnuzze, nel Comune di Impruneta in provincia di Firenze.
Due i banditi entrati in azione nel tentativo di rapinare l'uomo. Dopo essere stato colpito, il 62enne, che ha riportato traumi e fratture alla testa, è stato ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale fiorentino della Santissima Annunziata. Sin da subito però le sue condizioni sono apparse disperate. Ieri sera era entrato in coma, e oggi pomeriggio è morto.
Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri che stanno indagando sul caso, i due rapinatori avrebbero atteso l'uomo davanti alla sua abitazione, all'alba; subito dopo averlo bloccato, lo hanno trascinato sin dentro casa, iniziando a colpirlo con violenza. Poi i malviventi lo hanno chiuso in bagno. Indisturbati nell'appartamento del pasticcere, hanno rovistato nelle stanze in cerca di contanti: 10mila euro il bottino portato via.
A trovare il 62enne, ormai privo di sensi, sono stati i figli, allertati dai vicini che notato due persone sospette uscire furtivamente dall'abitazione. Al momento dell'aggressione, l'uomo era solo in casa poiché Da Lio era appena tornato da lavoro e moglie e figli erano andati a dargli il cambio. Intanto prosegue la caccia ai due rapinatori-assassini che dopo l'aggressione sarebbero fuggiti a bordo di una Mercedes.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©