Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Firenze, tenta di aprire una cassaforte ma rimane ucciso dall'esplosivo


Firenze, tenta di aprire una cassaforte ma rimane ucciso dall'esplosivo
25/11/2012, 23:02

Rapina finita male per un malvivente della provincia di Firenze, il ladro è morto dilaniato dallo scoppio della ''bomba' con la quale voleva tentare di aprire la cassaforte di un supermercato e i suoi complici non hanno potuto fare altro che lasciarlo al suo destino per fuggire a mani vuote. L'incidente è accaduto la notte scorsa a Dicomano a qualche chilometro da Firenze, dove i carabinieri sono accorsi non appena scattato l'allarme. Ancora l'uomo non è stato identificato mentre sono in corso accertamenti per capire quale tipo di esplosivo abbia utilizzato e la cui deflagrazione e' stata improvvisa, cogliendo l'uomo mentre stava ancora probabilmente sistemandolo per ''aprire'' la cassaforte ed i suoi presunti complici erano poco distanti nel market Coop di Dicomano. Secondo i primi accertamenti non dovrebbe trattarsi di acetilene, la sostanza esplosiva che di solito viene usata per far ''saltare'' i bancomat: saranno adesso gli accertamenti della scientifica dell'arma a stabilirne la natura cosi' come a tentare di dare un nome all'uomo, dall'apparente eta' di 40-50 anni, dai tratti europei. Gli accertamenti riguardano anche l'innesco della bomba, di tipo elettrico e nel quale, probabilmente, qualcosa non ha funzionato. Per entrare nel market i ladri hanno forzato un ingresso usando un piede di porco. Subito è scattato l'allarme: erano le tre. Secondo quando ricostruito dai carabinieri, mentre i complici si aggiravano nel supermercato, la vittima si è occupata dell'esplosivo che, per un disguido, è scoppiato mentre veniva sistemato per far aprire la cassaforte. All'arrivo dei militari, partiti dalla caserma allo scattare dell'allarme del negozio, i complici erano già fuggiti, senza portare via niente. I militari stanno cercando di rintracciare i complici e hanno acquisito i filmati della videosorveglianza del supermercato.   

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©