Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Firma del Protocollo d'intesa per la sicurezza sul lavoro nell'ambito portuale di Napoli


Firma del Protocollo d'intesa per la sicurezza sul lavoro nell'ambito portuale di Napoli
24/10/2012, 14:48

È stato firmato oggi in Prefettura il Protocollo d’intesa per la sicurezza dei lavoratori del Porto di Napoli, che risponde alla necessità di maggiore attenzione alla prevenzione e tutela della salute sui luoghi di lavoro in un settore di attività particolarmente a rischio, quale quello delle operazioni portuali.

L’iniziativa, fortemente voluta dal Prefetto di Napoli dr. Andrea De  Martino, è frutto di una complessa attività di mediazione svolta dalla Prefettura per raggiungere la condivisione di tutti gli enti e soggetti interessati sugli interventi pianificati e si ricollega ad un’ intesa nata nel 2007, che ha consentito nel corso degli anni un abbattimento della percentuale di rischio delle attività portuali stimato intorno al 40%.

Unitamente al Prefetto di Napoli hanno sottoscritto l’Assessore Regionale al Lavoro e Formazione prof. Nappi, il Direttore Generale della ASL Napoli 1 dr. Esposito, il Presidente dell’Autorità Portuale ammiraglio D’Assatti, il Comandante della Capitaneria di Porto ammiraglio Basile, il Direttore Provinciale INAIL d.ssa Iovino, il Vicedirettore Provinciale INPS dr. Barisciano, per la DTL il dr. Pomponio, i Segretari Regionali-Provinciali confederali e di categoria CGIL dr. Salzano e d.ssa Cenerelli, CISL  dr. D’Andrea e dr. Milone, UIL d.ssa Del Fico e dr. Salvatore, UGL dr. De Falco e dr. De Blasio, i delegati delle associazioni rappresentative delle aziende che operano nel porto (Assiterminal, Assologistica e Fise-Uniport).

Il Protocollo consentirà di rendere più incisiva l'azione di vigilanza e contrasto nei confronti di situazioni di irregolarità lavorativa e di fornire maggiore impulso all'attività di formazione dei lavoratori in materia di sicurezza - in modo da accompagnare e sostenere le imprese che intendono raggiungere più elevati livelli di sicurezza. Tra gli obiettivi di maggior rilievo è l’istituzione all’interno del porto di Napoli un presidio sanitario che, munito di ambulanza e di una linea telefonica dedicata, garantisca immediatezza di interventi nelle emergenze. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©