Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Alcune firme a sostegno della Lega Nord erano false

Firme false per la lista civetta, sei condannati nel ravennate


Firme false per la lista civetta, sei condannati nel ravennate
07/11/2012, 21:51

RAVENNA - Alcune delle firme a sostegno della lista della Lega Nord erano state falsificate, altre non avevano l'autenticazione. Una manovra, secondo l'accusa, portata avanti da sostenitori di una lista legata al Pd, con l'avallo del Carroccio, per sottrarre voti nel 2009 alla rielezione del sindaco di Sant'Agata sul Santerno, allora unico Comune del ravennate non governato dal centrosinistra. Il Gup Piervittorio Farinella ha condannato quattro persone a pene tra i sei mesi e un anno di carcere (tutte sospese). Una settima persona è stata assolta per il falso, ma con la trasmissione degli atti alla Procura per la verifica del favoreggiamento. Due imputati hanno patteggiato pene di otto mesi e un anno e due mesi; gli ultimi due accusati sono stati rinviati a giudizio. Otto di loro dovevano rispondere di avere falsificato undici firme di altrettanti elettori in calce alla documentazione necessaria per la lista del Carroccio, il nono era accusato di favoreggiamento maturato nelle operazioni pre-elettorali. L'indagine, coordinata dal Pm Daniele Barberini, era partita da un esposto dello stesso sindaco in carica, Luigi Amadei, a capo di una lista civica di centrodestra.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©