Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

FOGGIA: SEGREGATA DA DUE ANNI, SI LIBERA CON UN SMS


FOGGIA: SEGREGATA DA DUE ANNI, SI LIBERA CON UN SMS
07/10/2008, 14:10

Una ragazza polacca di 28 anni è rimasta segregata per due anni in un casolare nel foggiano. ARrivata in Italia, aveva conosciuto un connazionale, Sylvester, che sembrava una brava persona; sicchè l'aveva seguito a casa. Ma quando si era accorta dell'errore, era troppo tardi. E così l'uomo la teneva praticamente prigioniera, perchè il casolare aveva porta e finestre sbarrate; poteva controllare ogni movimento della giornata. E in più la costringeva a subire rapporti sessuali, qualche volta riprendendola con una videocamera - come dimostrano alcune videocassette ritrovate dentro il casolare - al punto che la ragazza aveva avuto anche un figlio che adesso ha un anno. I patimenti sono finiti una volta che l'uomo ha dimenticato il cellulare, prima di andare a lavorare. La donna l'ha usato per mandare un SMS alla madre in Polonia, e nel messaggio le spiegava che era prigioniera e dove. La madre ha allertato la Polizia polacca che ha trasmesso l'informazione ai propri omologhi italiani. Ad andare ad arrestare l'uomo sono andati i Carabinieri, che si sono spacciati per veterinari dell'ASL. Quando l'uomo ha capito di essere stato raggirato, si è divincolato e ha cercato la fuga ed è stato arrestato. Ora dovrà rispondere di molti reati, che vanno dalla violenza sessuale aggravata e continuata al sequestro di persona, alle minacce.

Invece per la ragazza si apre la possibilità di riprendere a vivere, con suo figlio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©