Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si è trattato di un omicidio passionale

Foligno, artigiano ucciso a colpi di cacciavite

L'assassino, un cittadino macedone, ha confessato il crimine

Foligno, artigiano ucciso a colpi di cacciavite
06/09/2012, 09:28

FOLIGNO - Si è concluso in tragedia il sogno di aprire un'officina per riparare biciclette di Pawel Lozinski, conosciuto come Paolo, venticinquenne di origini polacche, ucciso ieri mattina con sei colpi di cacciavite proprio mentre stava lavorando nella sua officina in via Saffi, a Foligno. Stando alla prima ricostruzione dei fatti e alla confessione dell'assassino, che si trovava ancora sul luogo del delitto al momento dell'arrivo dei carabinieri, si è trattato di un delitto passionale.

Ieri mattina Pawel Lozinski si è recato al lavoro nella sua officina, che aveva aperto soltanto lunedì mattina, ma verso le 10,30 ha ricevuto la visita di un macedone di un anno più grande di lui, Useini Radzi, il nuovo fidanzato dalla sua ex ragazza, nonchè suo assassino. I due hanno iniziato a discutere e, probabilmente, Pawel deve aver chiuso a chiave la porta del negozio per evitare di essere disturbati da qualche cliente. Purtroppo, però, la situazione è degenerata e Radzi ha ripetutamente colpito Lozinski all'addome e al torace con un cacciavite, che deve aver successivamente ripulito e nascosto da qualche parte all'interno dell'officina. Alcuni residenti del centro storico, che abitano in appartamenti vicini all'officina, dopo aver sentito i forti lamenti di Lozinski si sono precipitati sul posto per verificare di persona cosa stesse accadendo e, insospettiti dal fatto che la porta fosse bloccata, hanno chiamato i carabinieri. Questi, accorsi sul posto, hanno buttato giù la porta e hanno trovato il corpo di Pawel riverso sul pavimento, in una pozza di sangue, mentre Radzi, che poi è stato portato in caserma, si era nascosto nel bagno.

Il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, è intervenuto sulla vicenda, definendola "un fatto grave, compiuto con una violenza incredibile, che scuote la cittadinanza di Foligno". Il primo cittadino, consapevole del fatto che un atto del genere possa turbare la popolazione di Foligno, spera comunque che l'elevato livello di tranquillità della cittadina mantenga una sua integrità.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©