Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Governo vuole escludere Regioni con un deficit sanitario

Fondi alle imprese, l’allarme di Calabrò


.

Fondi alle imprese, l’allarme di Calabrò
19/05/2012, 13:05

NAPOLI - Il governo è pronto a stanziare 20 milioni di euro per dare ossigeno alle imprese in difficoltà. Certo una buona notizia, ma resta ancora qualche nodo da sciogliere. Dal piano, infatti, potrebbero essere esclusi i comuni commissariati e le Regioni sottoposte al piano di rientro per i debiti alla sanità. Ecco allora che scatta l’allarme per la Campania, dove appunto la sanità è commissariata. Confindustria ed alcune associazioni, sono già sul piede di guerra per un provvedimento che è molto diverso da quello fin qui sperato. Ad invitare il Governo ad una riflessione più accurata è il consigliere regionale della Campania delegato alla sanità, Raffaele Calabrò.
“Mi preme che le aziende, comprese quelle che operano nel settore della sanità – sottolinea Calabrò – possano risolvere i gravi problemi che colpiscono in questa fase le piccole e medie imprese, che pur vantando crediti esigibili nei confronti della pubblica amministrazione rischiano di chiudere”.
Insomma, a sentire Calabrò, il rischio è che questo piano possa contribuire ancora una volta a creare una differenza tra Nord e Sud. “Nessuno chiede privilegi – dice il senatore del Pdl – ma soltanto anche che al sud si possa godere delle stesse disponibilità che ci sono altrove”. Calabrò, inoltre, avanza anche perplessità sulla legittimità del piano: “Mi sorge il dubbio che ci sia una violazione del principio di equità”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©