Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fondi edifici di culto, indagato il prefetto La Motta

L'accusa è di corruzione e peculato

.

Fondi edifici di culto, indagato il prefetto La Motta
13/05/2013, 15:53

Indagini in corso per il prefetto Francesco La Motta, ex vicecapo del servizio segreto civile. La Motta avrebbe investito in una finanziaria svizzera 10 milioni di euro dalla casse del Viminale. In particolare, i soldi sarebbero stati prelevati dal Fondo per gli edifici di Culto, di cui il prefetto è stato direttore dal 2003 al 2006.  L’accusa è di corruzione e peculato: la sua abitazione è stata perquisita , insieme all’ufficio dell’Aise, dove La Motta continua ad esercitare un incarico di consulenza. Il suo nome in realtà è emerso per la prima volta nell’ambito di un’indagine per riciclaggio  della procura di Napoli sul clan Polverino, palesando un legame con alcuni uomini legati ai boss. Da questo momento il fascicolo passa a Roma, dove stavano indagando sui soldi sottratti proprio alle casse del fondo per gli edifici di culto. Il primo mistero da chiarire è stabilire se il Viminale fosse a conoscenza dei trasferimenti in Svizzera e se soprattutto avesse autorizzato gli spostamenti.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©