Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Forcella, intensificati i controlli: fermati tre uomini armati


Forcella, intensificati i controlli: fermati tre uomini armati
28/05/2012, 17:05

In seguito all’omicidio di Saggese Giovanni e il ferimento di Salvatore Del Prete la notte del 21 maggio, da più giorni sono stati intensificati i servizi di prevenzione e di repressione nel rione Forcella ed effettuate numerose perquisizioni nell’area.

Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia Stella insieme a colleghi della Compagnia d’Intervento Operativo del Battaglione Campania e con il supporto di unità cinofile, hanno effettuato la perquisizione di uno stabile in via delle Zite n. 7. Nel corso delle attività, all’atto di bussare alla porta di un appartamento all’ultimo piano, i Carabinieri della Compagnia Stella che stavano controllando l’area sui tetti degli stabili vicini hanno notato un soggetto in mutande che si affacciava alla finestra col chiaro intento di darsi alla fuga ma che ha desistito quando si è accorto della presenza di Carabinieri.

Contestualmente, da altra finestra dello stesso appartamento, è stato lanciato nel vuoto un involucro che ha toccato terra fragorosamente e che è stato immediatamente recuperato: avvolti in una busta di cellophane c’erano 470 grammi di cocaina allo stato solido e 2 pistole semiautomatiche provento di furto (una calibro 9x21 con 11 cartucce nel caricatore e colpo in canna e una calibro 7,65). Nel frattempo i militari dell’Arma hanno fatto irruzione nella casa, lussuosamente rifinita, e bloccato le persone presenti, traendo in arresto: D.P.S., del 1983, già noto alle forze dell'ordine e ritenuto il reggente del clan camorristico dei “Mazzarella” per l’area di Forcella; G.S., del 1986, già noto alle forze dell'ordine; S.R., del 1974, già noto alle forze dell'ordine, fratello di S.D.P.. All’interno della casa, durante la minuziosa perquisizione che è seguita a quanto finora descritto, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 3.420 euro in denaro contante. Nel corso di perquisizione eseguita successivamente in altro appartamento al piano inferiore dello stesso stabile sono stati invece identificati 4 soggetti ritenuti vicini al 29enne; nella loro disponibilità è stato rinvenuto e sequestrato un giubbotto antiproiettile. I 3 arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©