Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

FORLEO: CSM UNANIME SULL'OK TRASFERIMENTO PROCEDURA


FORLEO: CSM UNANIME SULL'OK TRASFERIMENTO PROCEDURA
04/12/2007, 15:12

La prima commisione del Csm ha aperto all' unanimità la procedura di trasferimento d'ufficio per incompatibilità nei confronti del Gip di Milano, Clementina Forleo. A quanto si e' appreso, la procedura di trasferimento e' stata aperta sia per incompatibilita' ambientale, sia per quella funzionale. Il che vuol dire che, se al termine dell' istruttoria che ora partira' la commissione decretera' il trasferimento, Clementina Forleo dovra' non solo lasciare Milano ma non potra' piu' svolgere funzioni monocratiche, cioe' potra far parte soltanto di organi collegiali.

FORLEO: CSM LA CONVOCA PER IL 18 DICEMBRE
 
Clementina Forleo sara' ascoltata il 18 dicembre prossimo dalla prima commissione del Csm per difendersi dalle contestazioni che le vengono mosse e che hanno portato all' apertura della procedura di trasferimento d' ufficio per incompatibilita'. Il magistrato sara' chiamato a rispondere delle dichiarazioni fatte durante la trasmissione tv ''Annozero'', condotta da Michele Santoro, in cui parlo' di intimidazioni ricevute anche da ''ambiti istituzionali'' mentre si occupava dell' inchiesta sulle scalate bancarie. Clementina Forleo era gia' stata sentita dalla prima commissione il 6 novembre scorso ma stavolta si tratta di una audizione di tipo diverso, tant' e' che il magistrato potra' essere assistita da un difensore.
Le dichiarazioni pubbliche rese dal gip di Milano Clementina Forleo "relativamente ad interferenze ed intimidazioni istituzionali subite, non hanno trovato riscontro nell'istruttoria svolta''. E' uno dei motivi che hanno indotto la prima commissione del Csm a deliberare all' unanimita' l' apertura della procedura per incompatibilita' nei confronti del magistrato ai sensi dell' art. 2 della legge sulle Guarentigie. L' altro motivo, e' detto in una nota di Palazzo dei Marescialli, e' relativo ''a situazioni di grave disagio determinatesi nell' ambiente nel quale ella svolge le proprie funzioni giudiziarie''.
''Non ho niente da dichiarare'' e' la risposta data dal Gip di Milano, Clementina Forleo, a chi le chiede un commento alla decisone della prima commissione del Csm di avviare la procedura di trasferimento nei suoi confronti. Oggi la giudice non si e' presenta in ufficio e non e' attesa dai suoi assistenti. Tra i suoi colleghi c'e' chi si dice ''esterrefatto da una decisione totalmente sproporzionata'' riferendosi a quella presa dal consiglio superiore della magistratura.
E' in ferie e lo sara' per l'intera settimana Luigi De Magistris, il pm di Catanzaro per il quale la prima Commissione del Csm valutera' giovedi' prossimo se avviare la procedura di trasferimento d'ufficio per incompatibilita' ambientale. Su De Magistris, inoltre, pende la richiesta di trasferimento cautelare fatta dal ministro della Giustizia, Clemente Mastella, e sulla quale il 17 dicembre prossimo si pronuncera' la sezione disciplinare del Csm. Il pm, nei giorni scorsi, era stato assente dall'ufficio per un impedimento legato ai suoi impegni al Csm ed alla Procura generale della Corte di cassazione in relazione agli accertamenti sul piano disciplinare in corso nei suoi confronti. Impedimento che aveva determinato la sua sostituzione in vari processi cui avrebbe dovuto partecipare come pubblico ministero. 
(Fonte:ansa.it)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©