Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Formazione. Dal Comune di Sorrento corsi gratuiti per addetti a commercio, ristorazione e turismo


Formazione. Dal Comune di Sorrento corsi gratuiti per addetti a commercio, ristorazione e turismo
24/02/2012, 16:02



Al via corsi gratuiti di formazione professionale riservati ad addetti e titolari delle attività commerciali, di ristorazione e turistiche.
L'iniziativa è promossa dall'assessorato al Turismo del Comune di Sorrento, in collaborazione con la società Irip e l’associazione Apa.
"L’idea di strutturare corsi gratuiti, grazie alla sinergia tra il nostro ente ed alcune imprese specializzate nel mondo della formazione, è nata ed è pronta a concretizzarsi per rispondere all’esigenza di strutturare corsi specifici che mirano alla creazione di un nuovo sistema di sviluppo e di riqualificazione dell’offerta turistico–commerciale di Sorrento - spiega l'assessore al Turismo, Gaetano Milano - La nostra città avverte l’esigenza di innalzare sempre di più gli standard qualitativi nel campo dell’accoglienza. Ciò a partire da quegli operatori che consideriamo di frontiera, perché chiamati ad offrire con professionalità, con garbo e con competenza, quei servizi di “front office” che sono di primaria importanza per i turisti".
Il Comune di Sorrento offrirà la disponibilità dei locali dove si svolgeranno i corsi gratuiti, individuati presso la sede dell'Informagiovani.
"Tra i progetti dell’assessorato c’è anche quello di concedere una certificazione di qualità comunale a quella strutture come ristoranti, negozi, b&b ed alberghi che si distinguano, tra l’ altro, per la bontà dei servizi e per la professionalità di quanti vi lavorano - aggiunge Milano - A tale ultimo riguardo, sarà tenuto conto delle attività di formazione che hanno visto impegnati i lavoratori stessi. Il primo corso, riservato ai temi della sicurezza, comincerà il prossimo 2 marzo. In seguito sono previsti ulteriori attività - tra cui un corso di accoglienza turistica – che verranno di volta in volta concordate con le associazioni di categoria o in funzione delle esigenze che emergeranno".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©