Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tra le persone colpite, un neonato e due bambini

Formia: esplode bombola del gas. Dieci feriti

Nessuno è in pericolo di vita

Formia: esplode bombola del gas. Dieci feriti
07/10/2012, 20:46

FORMIA (LATINA) - Questa mattina, intorno alle ore 13:30 un'esplosione ha distrutto due appartamenti di una palazzina di Formia, in provincia di Latina. L'esplosione è stata provocata dalla fuga di gas di una bombola in un appartamento dell'edificio. Sono dieci i feriti a causa dell'incidente. L'esplosione ha causato il ferimento anche di un neonato e due bambini di 8 e 5 anni. I due appartamenti adiacenti sono completamente distrutti, mentre un terzo appartamento è rimasto gravemente danneggiato. La fuga di gas è avvenuta nell'appartamento, dove abitava una famiglia albanese. Sembra che la bombola del gas in questione non funzionasse a dovere. La famiglia albanese non aveva ancora fatto un regolare allaccio alla fornitura del metano e continuava a usare la bombola difettata. L'esplosione della bombola è avvenuta al primo dei tre piani di una palazzina di via Madonna di Ponza. L'intero edificio è stato evacuato e i vigili del fuoco stanno lavorando per metterlo in sicurezza.
Le dieci persone ferite sono state immediatamente trasportate in ospedale. Due di loro in un ospedale romano. Per ora le loro condizioni sono stabili e nessuno è in pericolo di vita. Uno dei tre bambini rimasti feriti nell'esplosione ha appena 8 mesi ed è stato trasferito nell'ospedale di Latina. Sono più gravi le condizioni di due albanesi, un giovane di 24 e una ragazza di 22, che sono stati trasferiti d'urgenza all'ospedale Sant'Eugenio di Roma. La ragazza ha ustioni sul 5% del corpo, mentre il ragazzo sul 25%. Le famiglie che abitavano negli appartamenti sono state evacuate, i loro appartamenti hanno subìto gravi danni. Le mura delle case sono sventrate e gli stessi appartamenti non sono abitabili. Al momento dell'incidente, i residenti sono scesi per strada pensando all'esplosione di una bomba e hanno lanciato l'allarme, chiamando il 118 e i vigili del fuoco.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©