Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

140 persone sbarcate a forza in Libia, Maroni esulta

Forse lasciati in Libia gli immigrati naufragati ieri


Forse lasciati in Libia gli immigrati naufragati ieri
07/05/2009, 09:05

Finalmente ieri sera due motovedette della Capitaneria di Porto di Palermo, salpate da Lampedusa, hanno raggiunto le due imbarcazioni con a bordo 140 persone, che avevano lanciato l'SOS a sud di Siracusa. Prima ci era andata la nave chimichiera "Lia Ievoli", che incrociava da quelle parti; non avendo trovato le imbarcazioni nella zona indicata, aveva proseguito verso la sua destinazione finale in Tunisia.
Di norma in questo caso gli immigrati vengono portati a Lampedusa per essere assistiti e curati, dato che dopo tanti giorni di mare spesso sono disidratati e affamati. Però questa mattina il Ministro degli Interni Roberto Maroni, parlando nel programma "Il panorama del Giorno", su TG5, intervistato dal direttore di Panorama Maurizio Belpietro, ha dichiarato con orgoglio che le motovedette avevano l'ordine di sbarcare i clandestini in Libia, violando tutte le norme dell'assistenza ai naufraghi e un esplicito "no" della Commissione Europea a questa pratica. Infatti è noto che la Libia, in questo caso, raduna queste persone in lager ai confini del deserto e li lascia là.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©